Anemone, il fiore del vento:come coltivarlo per avere belle fioriture

Anemone

L’anemone è un genere di piante fiorifere antichissime con foglie decorative e con fiori singoli a corolla semplice o doppia di diverso colore, ideali per decorare giardini e balconi.

Descrizione

L’anemone è una pianta erbacea perenne e con rizomi di 2-4 cm  di diametro, appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae comprendente oltre un centinaio di specie, alcune provenienti dal Sudafrica o dal Sud America dove viene chimatoFiore del Vento” , per le sue corolle che ondeggiano anche con la più blanda brezza , altre spontanee in Europa.

Queste piante possono raggiungere l’altezza dai 15 cm a oltre 1 m, le foglie molto decorative, sono pennate e divise, di colore verde brillante. I numerosi fiori a margherita sono formati da alcuni sepali a forma di petalo in numero molto variabile e sono di colore bianco, rosa, lilla o blu
e sbocciano dalla primavera all’autunno, a seconda della specie.

Principali specie di anemone

Questo genere di piante comprende numerose cultivar, alcune coltivate per il fiore reciso, altre essendo piante perenni per  decorare il giardino, un esempio sono l’Anemone Nemorosa e l’Anemone Ranunculoides, che  si trovano nei prati e nei boschi allo stato spontaneo.

Fioritura di Anemone nemorosa in ambiente boschivo 
Tomasz Kuran aka Meteor2017 - Opera propria commons.wikimedia.org CC BY-SA 3.0
Fioritura di Anemone nemorosa in ambiente boschivo
Tomasz Kuran aka Meteor2017 – Opera propria commons.wikimedia.org CC BY-SA 3.0

Tra le specie del genere Anemone, menzioniamo quelle che fanno parte della flora spontanea italiana:

Anemone apennina L. – Anemone baldensis L. – Anemone coronaria L. – Anemone hortensis L.- Anemone narcissiflora L. – Anemone nemorosa L. – Anemone palmata L. – Anemone ranunculoides L.- Anemone sylvestris L. – Anemone trifolia L.

Gli anemoni coltivati al giorno d’oggi si classificano in base al periodo di fioritura, con specie che fioriscono nei mesi primaverili e altre che fioriscono nel periodo estivo-autunnale. 

Tra le specie più conosciute c’è l’anemone japonica, dalla fiorituraestivo-autunnale,con fusti eretti e lunghi oltre 1 metro. I fiori di grandi dimensioni con varietà dal fiore semplice a calice doppio, semidoppio di colore bianco, rosato o rosso.

Anemone japonica Foto di Couleur da Pixabay
Anemone japonica Foto di Couleur da Pixabay 

Un’altra specie rizomatosa coltivata anche come fiore reciso è l’anemone coronaria molto rustica e resistente  al freddo intenso.Il fiore è grande rispetto alle dimensioni del rizoma, può essere a forma di margherita o di papavero,semplici o doppi con grandi petali dalle colorazioni che vanno dal bianco, al rosso, fino ad arrivare al blu intenso e viola, il centro è scuro con gli stami vistosi; le foglie sono simili al prezzemolo, di colore verde chiaro, dopo la fioritura seccano.In commercio si trovano due varietà di anemone coronaria: l’anemone de Caen, a fiore singolo, e l’anemone St. Brigid, a fiore doppio o triplo.

Un altra varietà è l’anemone blanda una pianta tappezzante con radice rizomatosa, la vegetazione è alta 15 cm composta da numerosi stelli con foglie lobate di colore verde scuro. I fiori sono simili a margherite e il colore variano dal bianco al rosa, dal blu al malva a seconda la varietà. Al centro della corolla spicca un bottone di colore giallo.

Anemone blanda Di Kurt Stüber [1] -caliban.mpiz-koeln.mpg.de/mavica/index.html  www.biolib.de, CC BY-SA 3.0,  commons.wikimedia.org
Anemone blanda Di Kurt Stüber [1] –caliban.mpiz-koeln.mpg.de/mavica/index.html  www.biolib.de, CC BY-SA 3.0, commons.wikimedia.org

Come coltivare l’anemone

Sono piante molto rustiche, che si adattano a differenti condizioni di terreno e clima.

Gli anemoni possono essere coltivati anche in vaso, si dovrà però prestare attenzione al tipo di contenitore. Scegliendone uno profondo e ampio le piante potranno sviluppare l’apparato radicale e svilupparsi in larghezza e in altezza.

Sul fondo del contenitore si dovrà mettere argilla espansa per favorire il drenaggio.

Esposizione

Gli anemoni per regalare belle fioriture necessitano di un clima temperato con temperature tra i 14° ai 20°, ma non gradiscono la stagione torrida.

Preferiscono la mezz’ombra, infatti le varietà spontanee crescono nei sottoboschi, dove sono riparate durante le ore più afose della giornata, ma allo stesso tempo possono godere dei raggi del sole .

Terreno

Questo tipo di piante prediligono terreni fertili e ben drenati, con un’alta percentuale di potassio, umidi ma privi di ristagni e tendenzialmente acidi. Quindi sarà opportuno procedere ciclicamente alla fertilizzazione con concimi organici anche da compost e azotati.

Innaffiature

Per quanto riguardale le annaffiature queste piante non necessitano di molta acqua e sopportano i brevi periodi di siccità,ma durante il periodo vegetativo bisogna annaffiarle con regolarità, in particolare durante la fioritura mantenendo il terreno umido, senza esagerare.

Al termine della fioritura si sospendono le annaffiature, cosi la pianta secca e si prepara per il periodo di riposo.

Concimazione

Si comincia a concimare dal mese di marzo con un concime che favorisce la crescita, tipo i concimi a base di sangue di bue con l’azoto facilmente assimilabile e il ferro,per prevenire la clorosi fogliare che può verificarsi su queste piante.

Invece, intervenire con un prodotto a base di ferro chelato se la clorosi è molto evidente somministrandolo tramite l’irrigazione.

Dopo questa fase iniziale si può poi continuare con un concime per piante fiorite, quindi con un maggiore tenore di potassio.

Dopo la fioritura continuare con un concime equilibrato per permettere il riassorbimento delle sostanze che la pianta ha utilizzato per la crescita e la fioritura.

Impianto dei bulbi

Per la coltivazione in piena terra  è opportuna una zappatura che consente di distribuire in modo più uniforme le sostanze nutritive.

Dopo si procede con la messa a dimora dei bulbi che avviene inserendo il bulbo a circa 7-10 centimetri di profondità, con le radici rivolte verso il basso.

Se ci troviamo in una regione dove l’inverno è molto più rigido, i rizomi si possono mettere a dimora a fine inverno; se i rizomi vengono lasciati nel terreno per diversi anni sarà opportuno proteggerli nel corso dell’inverno , utilizzando, ad esempio, delle foglie. 

Gli Anemoni che fioriscono in estate e autunno si potranno mettere a dimora a fine autunno o alla fine dell’inverno tutto dipende da quello che è il clima del luogo  . 

Moltiplicazione dell’anemone

La moltiplicare di queste piante si fa dividendo i rizomi prima della messa a dimora,si può anche fare la moltiplicazione per seme, ma si devono compiere operazioni molto lunghe e delicate, e poi ci vogliono due-tre anni per ottenere piante che fioriscono.

Malattie e Parassiti

Gli anemoni sono piante resistenti che di solito non vengono attaccate da malattie o parassiti, l’eccessiva umidità nel terreno può favorire il marciume radicale.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *